porto

“Non ho bisogno che sia facile, ho bisogno che ne valga la pena…”.

Tell a Friend
Chiedo ad ognuno di Voi, se possibile,  di compiere un piccolo sforzo affinchè confluisca in un grande aiuto a me e la mia famiglia. La massa notevole di processi che mi sono stati mossi contro per aver detto scomode verità, costituisce un impegno finanziario per noi insormontabile.
Grazie di cuore. Marco

DONAZION RICEVUTE


ninin

.....
trucoli
banner_pic_casadellalegalita.png
rivierapress
notav

logo-paolo-franceschetti

imperiaparla.jpg

trucioli.jpg

 trenette.jpg
alberto.jpg
ilsecolo.jpg
 
ilfattao.jpg

PUNTO
RIVIERA24
sanremonews2.jpg

uomini.jpg
nuovacosenza

ilmattino

logo-ponenteoggi

democrazia
democrazia2


roberto

zemia


marco1.jpg
Rocco Chinnici: il giallo di una strage 30 anni dopo
29 luglio 2016chinnici-strage
« Né la generale disattenzione né la pericolosa e diffusa tentazione alla convivenza col fenomeno mafioso - spesso confinante con la collusione - scoraggiarono mai quest'uomo, che aveva, come una volta mi disse, la "religione del lavoro" »
(Paolo Borsellino)


Un libro dei giornalisti Fabio De Pasquale e Eleonora Jannelli ricostruisce l'omicidio del magistrato siciliano e gli "aggiustamenti" dei boss della mafia per essere assolti dal processo

di Stanislao Lauricina - Linksicilia.it - 13 giugno 2013

Sono passati quasi 30 anni dalla strage che Cosa nostra provocò per uccidere Rocco Chinnici, il giudice istruttore di Palermo, padre del pool antimafia. In quell'attentato morirono anche due carabinieri e il portiere dello stabile di via Pipitone Federico. E, a distanza di tanti anni, c'è ancora fumo che avvolge tanti aspetti di quell'attentato.
Cosi-non-si-puo-vivereUno dei tanti gialli che ancora tingono il ricordo di quell'attentato viene fuori dal libro scritto a quattro mani dai giornalisti Fabio De Pasquale e Eleonora Iannelli per la casa editrice Castelvecchi. Si intitola "Così non si può vivere. Rocco Chinnici: la storia mai raccontata del giudice che sfidò gli intoccabili" e ha la prefazione di Pietro Grasso, ex capo della Procura di Palermo e della Direzione nazionale antimafia e, ora, presidente del Senato.
Testimonianze, nuovi documenti e risvolti inediti di quella che è definita "una strage annunciata". Sono gli stessi figli, Caterina, Elvira e Giovanni Chinnici, dopo trent'anni, che ne rivelano i retroscena: "Papà fu lasciato solo, offerto ai suoi carnefici". Nel libro c'è anche il diario del giudice, pubblicato per la prima volta in versione autografa. (a destra, Rocco Chinnici)
Il giallo che emerge dal libro è legato alla scomparsa e alla riapparizione, dopo 15 anni, del fascicolo sull'inchiesta a carico del presidente della Corte d'Assise d'Appello di Messina, Giuseppe Recupero, che aveva emesso, nel 1988, la sentenza del terzo processo d'Appello agli autori della strage. Alcuni pentiti hanno raccontato, a suo tempo, che l'esito del processo, celebrato a Messina nel 1988, dopo due annullamenti della Cassazione, sarebbe stato "aggiustato" da Cosa nostra con il pagamento di 200 milioni di lire. Per arrivare all'assoluzione per insufficienza di prove di Michele e Salvatore Greco, indicati come i mandanti dell'attentato, la mafia avrebbe corrotto il magistrato.
continua a leggere su linksicilia.it

 
RocketTheme Joomla Templates